Home Page - englishHome Page - italiano

 Vendita


 

Indietro/back
Descrizione
Inventario

 

55.000

PERCHE' VENDO?

Purtroppo, gli anni passano...

Sono trascorsi 10 anni da quando siamo partiti per il giro del mondo, e per quanto si possa essere ancora in ragionevole forma, stiamo avvicinandoci ai 72 anni e ci rendiamo conto di una diminuita efficienza fisica che potrebbe diventare pericolosa dovendo affrontare. noi due da soli, una situazione di emergenza.

Quando abbiamo acquistato Shaula4 nel 2013, l'idea era di concederci "qualche anno" di crociere non esageratamente impegnative (anche se un vago pensierino a qualcosa di pi impegnativo lo avevamo fatto...); 4 anni sono passati e dunque il caso di cominciare a muoversi con l'obiettivo di arrivare a vendere Shaula4 nel giro di un anno o due.

Nel frattempo, contiamo di continuare a navigare e conseguentemente a mantenere Shaula4 in condizioni adeguate.
 

CHE BARCA E' SHAULA4?

Shaula4 un Lgende 1040, uno scafo in alluminio a deriva mobile, costruito a met degli anni '80 da un piccolo cantiere di Dunkerque, Grardel et Fils; in totale ne vennero costruiti 36 esemplari, non pochi per uno scafo cos specialistico.

Questo tipo di imbarcazione molto popolare in Francia, dove molti porti e rade sulla costa Atlantica vanno completamente a secco durante la bassa marea, il che naturalmente un problema per le imbarcazioni a vela a chiglia fissa, mentre uno scafo a deriva sollevabile si appoggia sul fondo senza problemi.

Diversi cantieri Francesi producono questo genere di imbarcazioni, tipicamente con costruzione dello scafo a multi-spigolo che permette di contenere i costi a scapito dell'estetica; il Lgende 1040 segue questa tecnica solo in parte, avendo gli spigoli nell'opera viva, mentre la parte normalmente visibile delle fiancate arrotondata per un miglior effetto estetico.

A confronto lo scafo a spigolo di Shaula3 con quello parzialmente arrotondato di Shaula4

La costruzione robustissima, le lamiere del fondo dello scafo (che deve potersi appoggiare sul fondo di una rada, non necessariamente liscio e soffice) tipicamente sono spesse 8mm, mentre le fiancate sono di 5mm e le parti meno sollecitate sono realizzate con lamiera da 3mm.
Il risultato un guscio monolitico leggero e contemporaneamente molto solido.

Proprio la grande robustezza, oltre alla capacit di ridurre il pescaggio sollevando la deriva hanno reso questo tipo di imbarcazioni molto popolari tra i navigatori di lungo corso, che apprezzano una barca capace di assorbire senza troppe conseguenze quei piccoli urti che prima o poi capitano a tutti, e che permette di entrare in ancoraggi poco profondi e mal documentati.

Naturalmente, c' anche il rovescio della medaglia: il difetto principale di questo tipo di imbarcazioni che la deriva necessariamente piuttosto piccola, e di conseguenza le prestazioni di bolina non sono esaltanti (un aspetto questo che preoccupa poco chi privilegia la navigazione con gli Alisei a favore, ma pu essere importante in altri contesti).
Inoltre, la costruzione in lamiera costringe a linee semplici, essenziali: paragonata con un moderno yacht in vetroresina, una barca in alluminio avr sempre linee poco spettacolari.

Infine, aspetto importante, le barche in alluminio sono costose da costruire, tanto che nessun cantiere costruisce pi in serie scafi di lunghezza inferiore agli 11 metri, che ormai si trovano solo sul mercato dell'usato.
 

A CHI POTREBBE INTERESSARE?

Come ho detto, una barca da grande viaggio, e date le sue dimensioni contenute, molto adatta per una coppia che voglia navigare lontano con un budget contenuto sia per l'acquisto che per i costi di esercizio (minor costo in porti e canali, minor consumo di carburante, vele pi piccole...).
Gli spazi a bordo sono confortevoli per due/tre persone pi rifornimenti in una traversata importante, pi gli occasionali visitatori una volta arrivati a destinazione, e nello stesso tempo le dimensioni sono adeguate ad affrontare condizioni meteo impegnative.

Viceversa, non la barca adatta per chi cerca le prestazioni, i bordeggi stretti, le uscite di un paio d'ore per "tirare quattro bordi" fuori dal porto: per questo genere di utilizzo c' di meglio a prezzi inferiori.
 

IN CHE CONDIZIONI E' LA BARCA?

Quando la abbiamo acquistata nel 2013, la barca era in condizioni di manutenzione molto scarse ed inoltre gli impianti erano antiquati e molto scarsi; l'elettronica era quasi del tutto assente o non funzionante.

Nei 3 anni successivi sono stati fatti molti lavori di ammodernamento: sostituita l'attrezzatura di coperta, sostituito il sartiame, smontato e revisionato il motore, sostituito premitreccia, asse elica ed elica, sostituito ancora e catena, sostituito la maggior parte delle manovre correnti, rifatti gli impianti dell'acqua e del gas, sostituito il forno, reinstallato il frigorifero, rifatto l'impianto elettrico ed installata una nuova serie di strumenti elettronici, incluso autopilota, radar e 2 chartplotter, rimpiazzato il WC con l'aggiunta di un serbatoio per le acque nere.

Non tutto finito: ci sarebbero ancora alcune cose da fare, come rifare i rivestimenti dei materassini (le gommepiume invece sono nuove), sostituire i vetri dei passi d'uomo che sono opacizzati, e sopratutto sarebbero da sostituire randa e genoa (quelli esistenti sono usabili, ma decisamente "sformati".

Inoltre, volendo preparare la barca per lunghi viaggi, direi che bisogna prevedere alcune aggiunte, quali un timone a vento, pannelli solari (magari montati su un portale a poppa), una ricevente o meglio ancora una ricetrasmittente ad onde corte, eventualmente un dissalatore ed un boiler riscaldato dal motore.
 

IL PREZZO:

Il prezzo che chiedo quello riportato all'inizio di questa pagina: indubbiamente alto se confrontato con barche di serie in vetroresina di et e condizioni comparabili, ma assolutamente competitivo coi prezzi richiesti per le poche barche analoghe (scafo in alluminio, sia a deriva fissa che mobile) presenti sul mercato dell'usato.

Do' per scontato un minimo di trattativa, ma spiacente, non posso accettare permute con barche, case od altro.
 

BANDIERA BELGA

La barca batte bandiera Belga: se siete cittadini UE e siete soddisfatti di tenere la bandiera belga, le pratiche sono molto semplici e si svolgono per posta.   Se viceversa non siete cittadini UE o volete passare ad un'altra bandiera, le pratiche di dismissione della bandiera belga sono comunque molto semplici.
 

IL POSTO BARCA

Non sta a me dirlo, ma ritengo non ci sia problema a subentrare nel contratto di ormeggio con il Porto Turistico di Jesolo, dove la barca attualmente ormeggiata.    I prezzi sono pi o meno allineati con quelli degli altri marina nelle vicinanze.     Il contratto va da Maggio ad Aprile, quindi tipicamente l'ormeggio sar gi pagato fino all'Aprile successivo al momento della vendita.
 

PER VISITARE LA BARCA:

Normalmente la barca si trova a Jesolo, a poca distanza dall'aeroporto e dalla stazione ferroviaria di Venezia.   Le visite sono esclusivamente SU APPUNTAMENTO, il Marina non permette l'ingresso a visitatori non accompagnati.

Tenete presente che in tarda primavera/inizio estate la barca potrebbe essere a terra per carenaggio o essere in crociera altrove.
 

CONTATTO:

e-mail: yacht.shaula4@gmail.com

 

PER SCARICARE LA BROCHURE IN FORMATO .pdf CLICCARE QUI'

 

     

Webmaster: Gianfranco Balducci - email: gfbalduc@tin.it

Last Update: 07/09/2017

The Shaula4 website (text and images) by Gianfranco Balducci is licensed under a
 Creative Commons by-nc-nd/3.0/ Attribution - Non commercial - No derivative works 3.0 Unported License